Prima pagina del giornale Avvenire:
Sito web


Notizie
  • «La Sindone parla a tutti»
    "Non esistono estranei o nemici per chi si lascia investire dal messaggio della Sindone. Un messaggio di speranza, di vincere ogni avversità e poter combattere con coraggio ogni difficoltà delle loro vite". È il messaggio lanciato ai pellegrini che da domenica 18 aprile al 24 giugno saranno a Torino per la Sindone dall'arcivescovo della città e custode pontificio del Sacro Lino, monsignor Cesare Nosiglia. All'anteprima per la stampa oggi in Duomo Nosiglia ha auspicato che il grande messaggio di pace che simboleggia il Sacro Lino "penetri nel cuore di tutti pellegrini che verranno e che possano tornare a casa carichi di questo grande dono e del grande segno di speranza che è la sindone". "Anche la nostra vita - ha aggiunto - ha bisogno di non perdere mai la speranza". la vicenda dei profughi cristiani gettati dal gommone su cui cercavano di attraversare il Mediterraneo: "Bisogna condannare gli estremisti e i violenti verso le persone innocenti. Gesù ha
  • «Ascoltare il dolore dei disoccupati»
    Un incontro amichevole. Permeato da simpatia, amicizia, rispetto. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha incontrato il Papa in Vaticano. Al termine Mattarella ha invitato Francesco al Quirinale. Il corteo presidenziale è arrivato da Via della Conciliazione ed è entrato in Vaticano da Piazza San Pietro e quindi dall'Arco delle Campane. La cerimonia di saluto, guidata dal prefetto della Casa Pontificia monsignor Georg Gaenswein, è avvenuta nel Cortile di San Damaso. Il Presidente era accompagnato dalla figlia Laura e da cinque nipoti. Con lui anche il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, con la moglie, Emanuela Mauro, e diverse altre personalità. Il colloquio privato, nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, con Papa Francesco è durato un po’ meno di mezz’ora. Si è capito che è stato molto cordiale e che sono stati affrontate molte questioni. Lo ha fatto capire lo stesso Mattarella, poco dopo nel suo discorso ufficiale. Lo ha infatt
  • Il Papa: leggi efficaci contro la tratta
    Il mondo deve dotarsi di leggi efficaci che colpiscano chi alimenta il “crimine gravissimo” delle nuove forme di schiavitù. La richiesta arriva da Papa Francesco durante l’udienza alla plenaria della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, in Vaticano, sul tema della tratta degli esseri umani. Bambini-cavie fornitori di organi, donne prigioniere dei mercati del sesso, maschi e femmine di tutte le età incatenati nei lager del lavoro coatto. E dietro di loro gli ignobili “professionisti” dello sfruttamento, carnefici che si arricchiscono violentando in mille modi la dignità umana.Piaga nel corpo dell’umanità Il Papa ha ingaggiato una lotta personale contro questo campionario di orrori, il "lavoro schiavo" che si consuma ogni giorno ovunque nel mondo, non solo nelle terre di nessuno ma anche nelle società che esibiscono valori e cultura. L’ennesima denuncia Francesco la leva al cospetto degli esperti che in questi giorni stanno discut
  • Cristiani annegati, fermati negano davanti a gip
    È proseguita stamane l'udienza durante la quale il gip di Palermo Guglielmo Nicastro dovrà decidere se convalidare il fermo dei 14 migranti fermati perchè accusati di aver gettato in mare 12 perchè di religione cristiana. Tra i fermati c'è pure un diciassettenne, che verrà ascoltato dal Gip del tribunale dei minori. Per tutti l'accusa è di omicidio plurimo aggravato dall'odio religioso. Oggi l'udienza del gip è iniziata dopo le 9,30 nel carcere di Pagliarelli. Ieri erano state sentite otto persone: in sei hanno respinto le accuse; mentre due si sono avvalse della facoltà di non rispondere. Oggi si è proseguito con gli altri: uno si è avvalso della facoltà di non rispondere, gli altri hanno risposto ma senza ammettere la rissa per motivi religiosi. Si va dunque verso la conclusione e la decisione del gip sulla convalida del fermo dovrebbe arrivare in giornata. L'indagine è coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia
  • Tifo violento, stadi sotto assedio
    Il calcio è sotto assedio degli ultrà in tutta Italia. Almeno quattro le emergenze in poche ore. L'aggressione ai calciatori del Cagliari in ritiro ("siamo choccati, i miei li ho visti male dopo quello che è successo" ha detto l'allenatore Zeman), le minacce di disordini a margine di Roma-Atalanta dopo la chiusura di parte della curva Sud, la tensione a Terni prima del derby con il Perugia (arrestato un tifoso con ordigni e bastoni nell'auto).Per finire l'annullamento di Varese-Avellino di questo pomeriggio dopo che, nella notte, vandali hanno danneggiato lo stadio della squadra lombarda ultima in classifica. Il presidente della Lega di B Abodi ha annunciato che sarà parte civile in ogni procedimento contro i violenti che danneggiano gli interessi delle squadre. Alcuni vandali hanno seriamente danneggiato il manto erboso dello stadio Ossola, segando anche i pali delle porte e accanendosi contro la panchina della squadra di casa. Gli operai hanno lavorato per cercare