Tra gioco, start up, innovazione e digitale: il Sudamerica conquista la scena

Se qualche anno fa la prima cosa che si pensava pensando al Sudamerica era il calcio, la serie tv Narcos e il tango, oggi la musica è radicalmente cambiata. L’America del Sud è diventata la patria dell’innovazione, dello sviluppo, della ricerca digitale. Qui stanno investendo i giganti della tecnologia, qui stanno nascendo imprese innovative e nuovi modelli di business.

Proviamo a fare chiarezza e a spiegarvi quali in questo articolo, alla ricerca delle novità che arrivano dall’America meridionale.

La svolta del gambling

E non possiamo non partire dalle ultime notizie relative al mondo del gioco legale. È di qualche mese fa infatti il lancio sul mercato argentino dei prodotti del brand StarCasino, marchio del gruppo Betsson, made in Svezia. Un accordo con il Casino de Victoria, per un nuovo rapporto commerciale transoceanico che mira a ingrandire il mercato del gambling e a diminuire le distanze tra Europa e America. “I lancio in Argentina è una vera e propria pietra miliare e rafforza ulteriormente la presenza di Betsson nella regione. La licenza per la Provincia di Buenos Aires, insieme alla licenza per la Città di Buenos Aires, consolida la nostra posizione nella regione” così ha spiegato il CEO di Betsson, Pontus Lindwall, che ha saputo cogliere l’opportunità di investire in paesi in crescita come Argentina e Brasile, ma anche Perù, Colombia, Cile. Paesi che hanno iniziato a puntare sul gambling e sul gioco online.

La nuova patria delle start up

Ma ad attirare l’attenzione del mercato sono soprattutto alcune piccole imprese e start up che sono state già ribattezzate “los nueve unicornios”, i nove unicorni, e insieme valgono la bellezza di un miliardo di dollari. Si inizia da despegar.com, agenzia di viaggi lowcost con offerte tutto incluso veramente da non perdere, e si passa poi il software development Globant, fino ad arrivare al sito di aste online più popolare in America Latina: Mercado Libre.

C’è poi B2W, compagnia brasiliana fondata nel 2006 dedicata al dettaglio online, che offre lavoro a oltre 7 mila dipendenti, oppure Crystal Lagoons, che con 15 filiali in tutto il mondo ha dato alla luce 2 mila brevetti di applicazioni industriali in oltre 190 paesi. E poi Totvs, Kio Networks, Softtek. Insomma, il futuro della tecnologia passa ormai dal Sud America, la nuova patria dell’innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *